There aren't any widgets in this section. Go to WP Admin → Appearance → Widgets and add some to Top Bar Widgets. You can disable this section in the Theme Options.

Incursioni ad Alcamo, Chiesa di San Pietro

ARTE: UNA NUOVA INCURSIONE PER PROTEGGERE IL PATRIMONIO DELL’ARTE ITALIANA LE SCULTURE POP DI DOMENICO PELLEGRINO RIAPRONO LA CHIESA DI SAN PIETRO AD ALCAMO.

Un bene storico, riconosciuto patrimonio dell’arte italiana dal FAI, ospiterà le sculture pop di Domenico Pellegrino. La personale Incursioni si innesta nelle stanze di Palazzi storici da riscoprire attraverso l’arte contemporanea e fa tappa in provincia di Trapani, ad Alcamo nella chiesa di San Pietro.

L’appuntamento è venerdì 16 dicembre alle ore 19.30 Una galleria di supereroi, rivisitati e corretti secondo un incastro singolare tra spirito pop e riferimenti folk.

I supereroi dei fumetti americani e le luminarie siciliane sono i soggetti presentati in mostra da Domenico Pellegrino rappresentando la sua tradizione. Il suo essere artista si tramuta, diventa un protagonista all’interno della scena, da semplice esecutore materiale, da mero mezzo espressivo, diventa il protagonista del suo fare artistico, realizzando le opere con le proprie mani l’artista riesce ad avere un rapporto con ciò che fa, trasmettendo al manufatto una personalità che non si limita soltanto all’estetica, ma soprattutto all’anima di ciò che crea. Partner Cg Eventi We Architettura Patrocinio Comune di Alcamo FAI delegazione Traani, Gruppo Fai Alcamo

La mostra sarà visitabile fino al 28 febbraio dalle 17 alle 22 ingresso gratuito

La galleria di supereroi, rivisitati e corretti secondo un incastro singolare tra spirito pop e riferimenti folk, presentata dall’artista è aperta tutti i giorni dalle 17 alle 22.

La Chiesa di San Pietro è di proprietà dell’IPAB Opere Pie Riunite “Pastore e San Pietro” di Alcamo ed è annessa all’istituto che accoglie circa 30 bambini che hanno incontrato l’artista lo scorso 28 gennaio ed hanno lavorato insieme a lui nella realizzazione di un laboratorio di scultura.

Il prossimo appuntamento dedicato ai bambini è in calendario per il 19 febbraio alle ore 16 è possibile prenotarsi al numero 091334359, la partecipazione è gratuita fino ad esaurimento posti disponibili.

I supereroi dei fumetti americani e le luminarie siciliane sono i soggetti presentati in mostra da Domenico Pellegrino rappresentando la sua tradizione. Il suo essere artista si tramuta, diventa un protagonista all’interno della scena, da semplice esecutore materiale, da mero mezzo espressivo, diventa il protagonista del suo fare artistico, realizzando le opere con le proprie mani l’artista riesce ad avere un rapporto con ciò che fa, trasmettendo al manufatto una personalità che non si limita soltanto all’estetica, ma soprattutto all’anima di ciò che crea.

Nelle opere che Domenico Pellegrino propone in mostra, in un percorso articolato che ci riporta a tratti indietro nel tempo, in una affascinante Palermo post bellica che, con lo sbarco alleato, si scoprono gli eroi del quotidiano, persone comuni, come i palermitani che sul finire della Seconda Guerra Mondiale, autoinvestendosi propositivamente di inattesi ‘superpoteri’, prendono in mano le proprie vite per ricostruire la città bombardata e rivendicare con orgoglio la propria identità. Capitan America, Spiderman, Batman, Hulk, Catwoman e Silver Surfer, a loro volta paragonati dall’artista agli Dei dell’antichità greca e romana, esibiscono le caratteristiche che rendono così internazionalmente riconoscibili i supereroi americani, ma allo stesso tempo richiamano nelle loro fattezze icone e simboli propri della Sicilia.

E’ così che le sculture di Domenico Pellegrino raccontano la storia di una terra ricca di tradizione, che attraverso il suo immaginario e il suo repertorio decorativo esprime lo spirito forte di un popolo. Gli dei della Magna Grecia, irraggiungibili e lontani nella loro perfezione, si calano sulla terra nelle perfettibili forme degli eroi americani, in una veste che chiama all’immedesimazione. La lotta del bene contro il male, cui sembrano invitarci, è un tema estremamente attuale, che Pellegrino affronta con uno sguardo poetico e ironico al tempo stesso. La mostra è patrocinata dal Comune di Alcamo e dal FAI delegazione Trapani, Gruppo Fai Alcamo, ed è stata realizzata grazie al sostegno di CG Eventi e di partner privati.

La Chiesa di San Pietro

È una delle più antiche chiese cittadine e la sua esistenza è già attestata nel 1367. Interamente ristrutturata nella metà del XVII secolo per volontà del sacerdote Vincenzo Graffeo è stata successivamente riconfigurata nel 1742 con l’intervento di G.B. Amico e con un elegante apparato di stucchi. In seguito al sisma del 1968 l’antica volta di copertura dell’unica navata è crollata e soltanto dopo diversi anni è stata realizzata una nuova copertura. Di conseguenza le decorazioni superstiti sono state danneggiate da anni di esposizione alle intemperie. Tuttavia l’apparato decorativo rimasto ed il gioco di luci ed ombre delle paraste, voluto dall’Amico, fanno ancora intravedere la grazia e l’eleganza delle linee rocailles. È ancora conservata – caso unico ad Alcamo – l’antica pavimentazione maiolicata e la lapide sepolcrale di Vincenzo Graffeo. Il corredo di opere, proveniente dalla chiesa, è oggi esposto presso il Museo della Chiesa Madre di Alcamo e di questo fanno parte il dipinto raffigurante il santo titolare ed una Santa Rosalia entrambi appartenenti all’ambito novellesco. Domenico Pellegrino Nato a Mazzarino in Sicilia del 1974, ha frequentato l’Istituto d’arte e l’Accademia di Belle arti di Palermo. La formazione e la passione per l’arte iniziano già dalla sua infanzia, osservando il papá pittore e misurandosi nel tempo con pennelli, tele, acrilici, creta e argilla. Evoluzioni, contaminazioni, il vivere bohémien dei primi anni nel cuore del centro storico di Palermo, hanno segnato il percorso dell’artista. Pittura e scenografia sono i suoi primi amori, ma la forza della scultura scatena la vera passione. E’ nel centro storico di Palermo, in un piccolo appartamento alla Vucciria, mercato storico della città, pieno di odori, di sapori, di gente, di mestieri antichi, di contrasti forti che nasce la collezione supereroi. Realizzate secondo tecniche artigianali tramandate da generazioni in generazioni, le sculture policrome, sono appositamente esasperate e rivedute in quei dettagli iconografici ricchi di tradizione.

There are no comments published yet.

Leave a Comment